Economia: ripresa in anticipo


4 Settembre 2009 - Le previsioni dell’Ocse giunte nei giorni scorsi parlano di una ripresa economica confermata e che molto probabilmente arriverà in anticipo sulle ultime aspettative, anche se sarà debole.
Il positivo messaggio sarà sui tavoli dell’odierno vetrice preparatorio di Londra, dove si getteranno le basi per il prossimo G20 di Pittsburgh, in programma il 24 ed il 25 settembre.

Analogo ritocco delle previsioni giunge da Francoforte, dove gli economisti della Banca Centrale Europea ( Bce ) hanno deciso di lasciare inalterati i tassi di riferimento della zona euro, definiti appropriati dal presidente Trichet.

L’ Ocse ha indicato inoltre per i Paesi del G7 un calo del Pil nel 2009 del 3.7% rispetto al previsto 4.1% precedente: per l’Italia il dato è stato previsto in un -5.2% rispetto al -5.5%.
La ripresa tuttavia prenderà maggiormente corpo solo nel 2010 e questo dovrebbe indurre a mantenere le misure di sostegno per l’economia, compresi i bassi tassi d’interesse.

Anche per la Bce le prospettive sul Pil sono in miglioramento, così come, le stime sull’ inflazione, attesa allo 0.6% nel 2009 ed all’ 1.6% il prossimo anno.

Emergono intanto posizioni differenti circa la cautela dei maggiori Paesi europei dal non uscire momentaneamente dai piani straordinari di sostegno all’economia, stretti tra la fretta dalla Germania e la cautela degli Stati Uniti.

Il G20 londinese affronterà poi l’ipotizzato giro di vite sui bonus dei manager bancari, con l’ Europa stavolta unita con gli Usa nel richiedere regole rigorose per contenere le retribuzioni dei grandi manager della finanza.

Maurizio Zani - XageneFinanza2009



Indietro

2000-2014© XAGENA srl - P.IVA: 04454930969 - REA: 1748680 - Tutti i diritti riservati - Disclaimer